Matera 2015, stretta finale. Ed è ancora passerella di big e incontri nei quartieri

comunali 2015MATERA – Stretta finale per la campagna elettorale dei 6 candidati alla carica di Sindaco. Si intensificano gli appuntamenti elettorali e si allunga la passerella dei big nazionali giunti a Matera a sostegno dei rispettivi partiti e schieramenti.

Per Salvatore Adduce, candidato del centrosinistra, ieri è toccato a Nichi Vendola, leader di Sinistra e Libertà, che toccando diversi aspetti legati ai rapporti fra i territori, la Puglia e la Basilicata, l’area metropolitana barese e il territorio materano, non ha dimenticato, come è nel suo stile, di lanciare qualche strale di natura squisitamente politica. Parlo del Partito Democratico, ha detto, per amore della città di Matera.  Quanto poi tema della trasparenza e della presentabilità delle liste, che sta agitando la politica nazionale, il vero problema, ha sottolineato ai nostri microfoni, è quello dei trasformismi. Si infittiscono intanto anche gli incontri dei candidati alla carica di Sindaco all’interno dei quartieri materani, a tu per tu con la gente.

Per capire quali sono le principali emergenze e criticità. Pomeriggio di sit-in, per il candidato sindaco di “Noi con Salvini”, Antonio Cappiello. Coi suoi candidati e con gli attivisti del suo movimento, si è ritrovato nel rione San Pardo, nei pressi dell’ex-sede distaccata dell’istituto tecnico industriale “Pentasuglia”, per protestare contro l’occupazione abusiva dello stabile da parte di alcuni immigrati rumeni e marocchini. Cappiello, inoltre, per la chiusura di campagna elettorale ha annunciato la presenza sul palco di piazza Vittorio Veneto dell’onorevole Souad Sbai, giornalista di origine marocchina.

Raffaello De Ruggieri, col palco mobile della sua coalizione civico-politica “Matera 2020”, ha incontrato gli elettori in piazza Tre Torri, a San Giacomo. De Ruggieri ha duramente criticato Adduce, definendo “spregiudicata quanto sfacciata” l’operazione con cui, due giorni fa, il sindaco uscente ha voluto rafforzare la raccolta rifiuti destinando 80 mila euro a due cooperative. “Un’operazione che rischia di configurarsi come voto di scambio”, ha scritto, chiedendo “un’attenta verifica a chi esercita il controllo della legalità”. Tramite un comunicato De Ruggieri è inoltre intervenuto anche sulla questione legata alla Fondazione Basilicata-Matera 2019.

“Prima di passare la mano, il sindaco Adduce, con la disinvoltura di chi sente franare la terra sotto i piedi, ha ritenuto di convocare il consiglio di amministrazione della Fondazione Basilicata-Matera 2019, per deliberare programmi e progetti che coprono i prossimi due anni. È il segnale, ancora una volta, dell’agitazione e dell’approssimazione che caratterizzano l’atteggiamento del sindaco uscente che, a pochi giorni dal voto, assume frettolosamente decisioni destinate a produrre i loro effetti in futuro.

“Quella per la legalità è una battaglia che vede da sempre mobilitato il Movimento 5 Stelle”. Così, ieri sera, in piazza Vittorio Veneto, ha esordito Roberto Fico, presidente della commissione di vigilanza Rai, intervenuto a sostegno di Antonio Materdomini, candidato pentastellato. Insieme a Fico e a Materdomini, sul palco dei comizi, anche i parlamentari lucani Petrocelli e Liuzzi. A seguire, con simpatizzanti e candidati della lista, tutti si sono ritrovati in pizzeria per una cena di autofinanziamento. Sui temi della legalità e della trasparenza delle liste presentate, ai nostri microfoni il presidente della Commissione di Vigilanza.

Il candidato Angelo Tortorelli, che ieri a mezzo stampa ha incassato la conferma del sostegno alla sua iniziativa civica di Corrado Passera con Italia Unica, ha incontrato i cittadini del rione Agna, dove aveva iniziato, nelle scorse settimane, il tour nei quartieri. Proprio ieri Tortorelli ha rinunciato al confronto coi cinque avversari sulla Rai 3 lucana per l’impossibilità che lo stesso si svolgesse a Matera, definita una “dipendenza di Potenza, interpretando lo sdegno di un’intera città”.

Iniziative, anche per il candidato sindaco de “L’altra Matera”, Francesco Vespe. Nel complesso de “Le Monacelle”, in serata, Vespe ha voluto incontrare i disabili e le associazioni che in città si occupano di disabilità, al fine di tematizzare le problematiche materane, in tal senso, attanagliano l’abitato e la comunita, elaborando al contempo proposte, soluzioni e prospettive, confermandosi, ancora una volta, la “voce degli invisibili”.

Share Button