Potenza. Se Emilio Colombo divide. Vigilante (Lista Civica per la città) commenta la nota di Carretta (Pd)

Giampaolo Carretta - Consigliere Comunale di Potenza (PD)“A quello che consideriamo uno dei più grandi statisti del Paese, meridionalista ed europeista della prima ora, l’Amministrazione comunale di centro sinistra, dopo aver celebrato una cerimonia istituzionale e aver apposto una targa alla memoria a Via Pretoria, aveva proposto di intitolare a lui Piazza XVIII Agosto.” Così il consigliere comunale del PD, Gianpaolo Carretta, risponde “alle richieste” – che definisce legittime – “da più parti pervenute sulla opportunità di intitolare una via della città al Presidente Emilio Colombo”.

Richieste avanzate, probabilmente, dopo l’approvazione da parte del Consiglio comunale di Potenza dell’ordine del giorno, presentato dallo stesso Carretta, per dedicare una strada all’imprenditore Faustino Somma.

Sulla nota di Carretta arriva però il duro commento del consigliere di centrodestra Antonio Vigilante, il quale scrive: “invece di pensare alle cose serie, si esercita nel più defaticante degli sfizi intellettuali: progettare monumenti ai padri nobili della sua fazione politica”.

Il consigliere di Lista Civica per la città, che nel commento non perde l’occasione per attribuire le cause del dissesto al centrosinistra, sembra dissociarsi dall’idea stessa di dedicare una strada a Colombo, e scrive: “padri nobili la cui eredità, peraltro, non è, ad oggi, né condivisa, né condivisibile da tutti i potentini”.

Insomma, è baruffa che, se ad una prima lettura potrebbe apparire banale, a ben guardare è politica e culturale.

Share Button