La piccola rimborsopoli della Provincia di Potenza. Chiuse le indagini a carico di 22 persone

Provincia di PotenzaPOTENZA – Sono 22 le persone (tra ex consiglieri della Provincia di Potenza, collaboratori e commercianti) indagate dalla Procura di Potenza nell’ambito di un’inchiesta sui rimborsi percepiti dai consiglieri e dai gruppi consiliari dell’ente provinciale tra il 2011 e il 2012.

Secondo quanto si è appreso oggi a Potenza, la Procura ha concluso le indagini che hanno riguardato quanto messo a rimborso in due anni dell’ultima consiliatura, prima cioè della riforma del Governo: non risultano indagati l’ex presidente della Provincia, Piero Lacorazza (Pd) – ora presidente del Consiglio regionale della Basilicata, e l’attuale presidente dell’ente, Nicola Valluzzi (Pd).

Dai rilievi sono emerse spese non ammissibili (cioè non riconducibili all’attività di rappresentanza dell’ente, secondo gli investigatori), tra cui cene in ristoranti del Potentino, presentazioni di libri, convegni a cui i consiglieri hanno partecipato e rimborsi benzina. Le accuse sono, a vario titolo, di peculato e truffa.

Share Button