I Popolari per l’Italia lanciano una petizione per la tratta ferroviaria Ferrandina-Matera

Tito Di MaggioMATERA – Una petizione e iniziative istituzionali, che coinvolgeranno la Regione Basilicata e il Governo, per chiedere il completamento e l’attivazione della linea ferroviaria Ferrandina-Matera e il collegamento della città dei Sassi alla rete ferroviaria nazionale, anche in relazione alla domanda di servizi legata al ruolo di capitale europea della cultura per il 2019.

Sono i programmi che la segreteria provinciale dei Popolari per l’Italia porterà avanti nelle prossime settimane per favorire ”la cultura del progresso” e colmare un deficit infrastrutturale del territorio.

Lo hanno annunciato, nel corso di un incontro con i giornalisti, il senatore Tito Di Maggio e il segretario provinciale del partito e presidente del comitato promotore, Fortunato Martoccia. La raccolta di firme, che coinvolgerà anche altri centri, si terrà inizialmente a Matera, in piazza Vittorio Veneto e presso il Municipio: ”Riteniamo – ha detto Di Maggio – che l’opera possa essere realizzata nel quadro delle risorse che il governo deve destinare al programma Matera 2019, con la stessa attenzione che ha dato e sta dando a Milano per l’Expo. Sull’argomento coinvolgeremo i parlamentari lucani di tutti gli schieramenti, oltre a quelli di governo, e gli enti locali”. Martoccia, nell’evidenziare i motivi della petizione e la necessità di attivare il collegamento ferroviario, recuperandone progettualità e risorse, ha detto che ”Matera non è il capolinea, ma centro del commercio, turismo e crocevia internazionale tra il Sud dell’Italia e l’Europa”.

Share Button