Enti e Giunta regionale. Per Pittella è tempo di cambio di stagione

Marcello PittellaAnche per la giunta Pittella è arrivato il momento di fare il “cambio di stagione”. Come in ogni buona famiglia, con l’approssimarsi della stagione fredda (quest’anno arrivata con molto ritardo), gli armadi vengono svuotati dai capi leggeri per far posto agli abiti più pesanti, necessari ad affrontare i rigori dell’inverno.

E così dopo averne fatto cenno nel corso di una recente direzione regionale del PD, il capo dell’esecutivo lucano ha iniziato lo sfiancante lavorio – tutto politico – di rimescolamento dei vertici degli enti che prelude a quello della Giunta regionale.

Pare siano ormai maturi i tempi per un azzeramento dei vertici di Acquedotto Lucano, attualmente in mano a Rosa Gentile, e di Sviluppo Basilicata di Raffaele Ricciuti. Anche la Sanità sarà interessata da un reset, almeno per quanto riguarda gli uomini che la dirigono con l’avvio a inizio dicembre delle procedure per l’individuazione dei direttori generali dell’Asp del potentino, Asm del Materano e del Crob di Rionero.

La politica condizionerà, come da “buona” tradizione lucana, gli avvicendamenti dei massimi dirigenti di questi enti. Anche perchè, per rimanere ai preparativi in vista dell’inverno, occorrerà preparare per bene anche gli appuntamenti elettorali che seguiranno. Primo tra tutti quello di “Matera 2015”. Qualche ben informato sui giornali nei giorni scorsi avrebbe addirittura ventilato l’ipotesi del nome di Adduce in Giunta Regionale. Un’operazione del genere spianerebbe la strada ad altre e più fresche ambizioni che si agitano nel PD. Ma lasciamo le illazioni per stare ai fatti politici.

Pittella infatti sta vuotando gli armadi per prepararsi a dovere in vista del confronto con il padre del centrosinistra lucano, Antonio Luongo di mestiere segretario del PD, prima di procedere alle nomine degli enti e della giunta.

Una raccomandazione: non dite che siamo troppo maliziosi quando si parla di nomine politiche, giacché quelle dei due amministratori dei Consorzi Industriali: Antonio Bocchicchio a Potenza – primo dei non eletti alle passate regionali – e Carlo Chiurazzi a Matera – ex parlamentare la cui ricandidatura fu bocciata alle primarie, sono lì ad ammonirvi.

In conclusione, è iniziato il grande risiko delle nomine in enti e società pubbliche lucane e del varo della nuova giunta regionale. Chi è disposto a scommettere sulla nomina di persone competenti e idonee agli incarichi piuttosto che di affiliati di corrente o di primi e di secondi dei non eletti in questa o quella lista del centrosinistra?

Share Button