Sblocca Italia. Marcello Pittella in conferenza stampa: vinciamo 1 – 0 al primo tempo

Nero su Bianco - Marcello PittellaPOTENZA – Di sicuro il primo tempo della partita Petrolio legato allo Sblocca Italia si è concluso e nonostante “qualche fallo, incertezze arbitrali, e qualche sgambetto” il risultato – come dichiara il Presidente Pittella – è di 1 a 0 per la Basilicata.

La partita è tutta aperta, ci sarà il secondo tempo e probabilmente anche i supplementari e bisognerà fare appello – lascia intendere Pittella – alla squadra dei parlamentari lucani che dovranno sostenerlo nel suo ruolo di punta per andare al gol. Come tutte le partite importanti che tengono incollati allo schermo, quello dello Sblocca Italia da delle risposte.

Fuor di metafora, utilizzata nel corso della conferenza stampa di questa mattina, il governatore lucano ha illustrato i risultati raggiunti, rifacendosi anche al percorso storico del petrolio in Basilicata per sottolineare ciò che è stato ottenuto (qui disponibili le slide).

Punto di partenza è “la legge regionale-provocazione” proposta da Pittella per espungere le royaties fuori dal patto, e che è stata impugnata dal Consiglio dei Ministri “Senza quella legge dice Pittella non avremmo aperto uno spazio di interlocuzione”, i cui esiti sono i seguenti: “Ok” dal governo centrale per liberare le risorse del bonus carburanti per gli anni 2011-2012, per il 2013 la platea sarà allargata, ma quel 3% sarà destinato all’inclusione sociale per il futuro.

Patto di stabilità: la Regione ha ottenuto l’esclusione dal patto di 50 milioni per quattro mesi del 2014 e delle maggiori entrate per i prossimi 4 anni. C’è poi il tema del titolo concessorio unico a firma del Mise che dovrà essere rilasciato d’intesa con la Regione. Ma Pittella chiarisce “Il Presidente del Consiglio sa che il petrolio è una risorsa per il paese Italia ma deve fare i conti con la tutela della salute e dell’ambiente e anche con le necessarie ricadute che questo territorio che tanto dà al Paese deve avere.

Noi abbiamo detto – ha dichiarato ancora Pittella – che siamo contrari all’off shore, che siamo per il mantenimento delle intese del ’98, oltre riteniamo che non sia sostenibile per il nostro territorio”. Insomma questo il quadro. Ci saranno nuove interlocuzioni e alle porte una nuova convocazione dei parlamentari lucani. “Resta da capire – conclude Pittella – come andare ancora al gol e recuperare alla Basilicata maggiori risultati”.

Share Button