Estrazioni in Basilicata. Renzi: perderò qualche voto ma io la norma l’ho già fatta

Matteo Renzi a Brescia

Matteo Renzi a Brescia

BRESCIA – “Quando io penso che siamo in una crisi energetica che voi tutti conoscete, e abbiamo un sacco di petrolio in Basilicata o in Sicilia che non tiriamo su per problemi dei comitati di turno, io dico eh bè, vorrà dire che perderò qualche voto ma la norma per sbloccare e per tirar su il petrolio in Basilicata e in Sicilia, creando posti di lavoro in Basilicata e in Sicilia e consentendo a questo paese di vincere la sfida energetica, io la norma la faccio, anzi l’ho già fatta. Vada come deve andare”.

La dichiarazione del capo del Governo Matteo Renzi intervenuto all’inaugurazione dello stabilimento di Rubinetterie Bresciane, a Gussago in provincia di Brescia.

Non tardano ad arrivare le reazioni dalla Basilicata. Il primo a commentarle è Gianni Rosa, consigliere regionale di Fratelli d’Italia: “adesso sappiamo perché Speranza, De Filippo, Bubbico, Margiotta, Viceconte & Co. non hanno speso una parola per difendere la Basilicata dagli assalti del loro premier: sapevano ed hanno taciuto. Adesso sappiamo da che parte stanno, con un Governo che vuole sfruttare la Lucania contro la volontà Lucani”.

“A questi signori” conclude Rosa “diciamo che non abbandoneremo la barricata facilmente, che noi siamo qui e che, accanto a qui ‘comitatini’, c’è tutto il Popolo lucano. A questi signori facciamo sapere che, se vogliono la guerra, noi la combatteremo!”

Vibrante anche la reazione di Nicola Benedetto, consigliere regionale per il Centro Democratico: “L’accanimento del Premier Renzi nei confronti della Basilicata sulla questione petrolio non solo è incomprensibile ed ingiustificato ma rischia di compromettere ogni tentativo di mediazione e di confronto che pure esponenti lucani di Governo, parlamentari e Governatore continuano a volere e ricercare”.

Il Governatore che pure continua a credere nelle possibilità di strappare nuove concessioni in cambio del petrolio” conclude Benedetto “a partire dall’esclusione delle royalties dal Patto di Stabilità, ne prenda atto e accolga la mia proposta di un Consiglio Regionale straordinario per decidere la risposta che Renzi merita, altrimenti l’unica possibilità che ci resta è di chiedere l’intercessione della Madonna di Viggiano, “regina” di Basilicata, cosa che tutti faremo domani. Ma dopo la processione di fede dovremo pensare ad un’altra processione a Roma”.

 

Share Button