Spese di rappresentanza. Archiviata la posizione dell’ex consigliere regionale Di Lorenzo

Pasquale Di LorenzoMATERA – “Felice per me e per la mia famiglia e soprattutto per quanti in tanti anni di attività politica mi hanno riposto la loro fiducia e sempre fiducioso nell’operato della magistratura che ha il dovere di indagare e dissolvere ogni minimo dubbio su chi ha avuto l ‘onore e l’onere di rappresentare i cittadini nella cosa pubblica”.

E’ questo il commento dell’ex consigliere regionale lucano Pasquale Di Lorenzo in merito all’archiviazione dei rilievi a lui posti dalla Corte dei Conti sulle spese di rappresentanza dei consiglieri regionali di Basilicata.

“La magistratura contabile che aveva aperto un procedimento nei mie confronti e nei confronti di altri 32 tra consiglieri regionali ed ex come nel mio caso – sottolinea Di Lorenzo in una nota – ha disposto l‘archiviazione “non sussistendo le condizioni necessarie per l’azione di responsabilità nei miei confronti”.

Queste le motivazioni del Pm generale Occhiogrosso: “Dalle controdeduzioni scritte ed orali presentate con allegata documentazione si ritiene che tali spese possano ragionevolmente considerarsi direttamente riconducibili all’attività istituzionale dello stesso in quanto coeve a specifiche attività politico – amministrative svolte in quel ristretto periodo di tempo, coincidente anche con la preparazione della campagna elettorale per il rinnovo del consiglio comunale di Matera. Del resto, conclude il PM, l’episodicità di due rimborsi originariamente contestati e il loro complessivo ammontare –inferiore a mille euro-induce a ritenere che, anche sotto il profilo soggettivo, non possa parlarsi di inescusabile negligenza.”

Share Button