Regionali, la denuncia dei Radicali e gli arrivi dei Big. A Matera, Grillo e Renzi

 

Beppe GrilloQueste elezioni non sono democratiche. Una dura accusa quella che i radicali hanno rilanciato questa a mattina a Matera, nel corso di una conferenza stampa, cui hanno preso parte, fra gli altri, il candidato alla Presidenza della Regione, per La Rosa nel Pugno, Elisabetta Zamparutti, e gli onorevoli Sergio D’Elia e Maurizio Turco. È stato presentato, in particolare, il controllo sulle firme delle liste provinciali, che concorrono alle elezioni. Non solo su quella di Sinistra Ecologia e Libertà ma di tutte. Diverse e gravi irregolarità quelle riscontrate, è stato ribadito. Dall’accesso agli atti, effettuato sulle liste depositate ai tribunali di Potenza e Matera, emergono usi e costumi a dir poco licenziosi, patenti irregolarità formali e anche fatti di possibile rilevanza penale. Fra le situazioni poco chiare che sarebbero emerse, la presenza massiccia a Matera, in un solo giorno, di firmatari provenienti dalla provincia e le centinaia e centinaia di firme raccolte e autenticate dal medesimo soggetto, nello stesso giorno. Dopo la presentazione degli esposti, sulla questione dovranno esprimersi le procure della Repubblica. Rush finale di campagna elettorale, fra denunce, proclami e presenze. Quelle in particolare dei Big della politica nazionale. Ieri è toccato al Segretario Udc, Lorenzo Cesa, che proprio a Matera, ha pronosticato la fine, in tempi brevi, del sistema politico italiano, così come lo conosciamo oggi. Ad implodere, ha profetizzato, oltre al PdL e a Scelta Civica, sarà lo stesso Pd, dilaniato fra correnti e sottocorrenti. Nulla di fatto invece, sempre sul fronte centrodestra, che sostiene la candidatura di Tito Di Maggio, per l’attesa visita dei Ministri De Girolamo e Lupi, in quota PdL, che non si sono fatti vedere. Trattenuti a Roma da impegni istituzionali e dalla resa dei conti finale nel Partito di Berlusconi, che sta contrapponedo falchi e colombre. A sostegno di Marcello Pittella, dovrebbe invece arrivare a Matera domani uno dei candidati alle primarie, Matteo Renzi. A chiudere la campagna dei grillini, Beppe Grillo in persona. A pochi giorni dal voto e a sostegno del candidato 5 Stelle, Piernicola Pedicini, giunge in Basilicata lo tsunami di Grillo, già quest’oggi nel materano (in serata nella città dei Sassi, con comizio finale, alle ore 18 e 45, che si annuncia a sorpresa) e poi domani ancora nel potentino. Un duello nemmeno tanto a distanza con il segretario nazionale del Pd, Epifani, che praticamente nelle stesse ore terrà comizi e incontri nei due capoluoghi lucani.

Share Button