Tito Di Maggio alla guida del Centrodestra ma Mario Monti non gradisce

 

Tito Di MaggioTito Di Maggio alla guida della coalizione di centrodestra, per le regionali di novembre in Basilicata ed è bufera all’interno di Scelta Civica. È quanto si legge sulle pagine del giornale telematico Haff Post. La decisione del senatore lucano di scendere in campo, maturata fra l’altro dopo settimane di incontri e di confronti laceranti, non deve essere stata accolta con favore dal leader di Scelta Civica. L’ultimo ma decisivo passaggio politico che avrebbe indotto Mario Monti, secondo il giornale diretto da Lucia Annunziata, a rassegnare le dimissioni da Presidente di Scelta Civica. Tutta colpa dei dissapori legati alla legge di stabilità e della frattura con il ministro della difesa Mauro, che mirerebbe a fare liste popolari alleate di Berlusconi. Ma secondo l’Haff Post ci sarebbe di più. La goccia che ha fatto traboccare il vaso sarebbe stata infatti la chiusura dell’accordo elettorale in Basilicata, fatta, a quanto riferiscono fonti montiane, ad insaputa del senatore a vita. Sarà infatti il civico Tito Di Maggio, ex Udc e uomo di Perferdinando Casini, a guidare alle regionali una coalizione che comprende il PdL, la Destra e la Fiamma Tricolore. Un apparentamento, si legge ancora sull’Haff Post, su cui l’ex premier non avrebbe mai dato il via libera e che si sarebbe consumato alle sue spalle. Il primo passo concreto di una strategia che mira a superare Scelta Civica, strizzando l’occhio alla destra dello schieramento. Di tutt’altro avviso, ovviamente, i commenti degli sponsor lucani della manovra. Tito Di Maggio è l’uomo giusto per unire il centrodestra e creare una alternativa di Governo, forte, credibile e competitiva, sottolinea il senatore Guido Viceconte. Anche se sul campo rimangono ancora alcuni nodi da sciogliere, a partire dalla questione delle liste pulite e dai rapporti con Fratelli d’Italia e Grande Sud. In ogni caso sarà Di Maggio l’anti Pittella. Ed entrambi dovranno anche vedersela con Elisabetta Zamparutti, in corsa per i Radicali, Piernicola Pedicini, aspirante Governatore della lista di Grillo, Doriano Manuello, per la lista Matera si Muove. A 24 ore dalla presentazione delle liste, si attende invece ancora il nome del candidato di Sinistra Ecologia e Libertà.

Share Button