Amministrative 2013, tempo scaduto per presentazione liste

elezioni-comunali-2012Amministrative 2013, tempo scaduto per la presentazione delle liste. Le porte degli uffici elettorali dei Comuni in cui si voterà il 26 e il 27 maggio prossimi si sono chiuse ieri, alle 12. Non conosce soste dunque la politica in Italia e il test elettorale alle porte non sarà di poco conto. Per verificare la tenuta dei due principali schieramenti, che hanno finalmente partorito quella curiosa creatura che va sotto il nome di Governo delle larghe intese, ma anche per misurare se la forza propulsiva del Movimento 5 Stelle va esaurendosi oppure no. Sono più di otto milioni gi elettori chiamati alle urne, per il rinnovo di oltre 600 amministrazioni comunali. In Basilicata, sono 11 i Comuni chiamati al rinnovo, tutti con meno di 15mila abitanti, per i quali dunque non ci saranno ballottaggi. Nel materano si vota a Tricarico. Nel potentino si vota invece ad Atella, Castelluccio Superione, Genzano di Lucania, Lavello, Pietrapertosa, Pignola, Ripacandida, Ruvo del Monte, Sasso di Castalda e Vaglio di Basilicata. Per 4 di loro, fra i quali Tricarico e Genzano di Lucania, si tratterà di elezioni anticipate, rispetto alla scadenza naturale del mandato. Il quadro risulta completo. Sono 32 i candidati a Sindaco (29 in provincia di Potenza e tre a Tricarico). Spulciando le liste, almeno tre gli aspetti che emergono. Intanto la presenza o l’assenza delle cosiddette quote rosa: su un totale di 32 candidati, solo 5 sono donne. Altro aspetto, i candidati in quota 5 Stelle, che si presentano a Lavello e Pignola, dove il Movimento ha fatto l’exploit alle politiche di febbraio. Infine, l’esposizione dei due princiapali partiti, il PdL e il Pd, almeno in termini di presenza dei simboli. Esclusi alcuni casi, il Partito Democratico si presenta per lo più frammentato e mascherato dietro le liste civiche. Stessa sorte, quest’ultima, che è toccata anche al PdL, la cui esperienza è confluita dovunque nelle liste civiche. Fin qui, in sintesi, la geografia politica lucana che viene fuori dalle liste. Poi fra un mese vedremo come la vorranno ridisegnare gli elettori e quali saranno stati se gli effetti della cosiddetta “mani pulite” in salsa lucana.

Share Button