Amministrative 2013, anche 11 Comuni lucani chiamati al rinnovo

elezioni 2013 bisPrimavera 2013, non conosce soste la politica in Italia. E a tutti i livelli. Dall’elezione del Presidente della Repubblica a quelle amministrative. Per il successore di Napolitano, che nei giorni scorsi ha congedato il gruppo dei saggi, di cui ha fatto parte il lucano Filippo Bubbico, da domani il Parlamento si riunirà in seduta comune. Nelle mani del nuovo Capo dello Stato sarà consegnato il lavoro da loro realizzato, che prevede indicazioni sulla riforma della legge elettorale, sul lavoro e sul rilancio dei rapporti economici ed internazionali del Paese. Momento delicatissimo, con lo stallo politico in atto e la difficile partita che si sta giocando per il Colle e Palazzo Chigi, nel quale si collocano per altro le amministrative ormai alle porte. Sono infatti più di otto milioni gli elettori chiamati alle urne per il rinnovo di oltre 600 amministrazioni comunali: a Roma e negli altri Comuni interessati alle prossime elezioni amministrative, si andrà infatti al voto il 26 e 27 maggio, mentre i ballottaggi sui sindaci si svolgeranno il 9 e 10 giugno. In Basilicata, sono 11 i Comuni chiamati al rinnovo, tutti con una popolazione inferiore ai 15mila abitanti, per i quali dunque non ci saranno ballottaggi. Nel materano si vota a Tricarico. Nel Potentino, si vota ad Atella, Castelluccio Superione, Genzano di Lucania, Lavello, Pietrapertosa, Pignola, Ripacandida, Ruvo del Monte, Sasso di Castalda e Vaglio di Basilicata. Per 4 di loro, fra i quali Tricarico e Genzano di Lucania, si tratterà di elezioni anticipate, rispetto alla scadenza naturale del mandato.