Antonio Placido, il “nuovo” portavoce di SEL non piace a 20 componenti dell’assemblea regionale

Antonio Placido

Antonio Placido

Che sta succedendo nella sinistra lucana? La domanda è lecita.

Proprio ieri l’ANSA di Basilicata riportava l’elezione di Antonio Placido a nuovo portavoce regionale lucano.

L’assemblea regionale di Sel, “alla presenza del responsabile nazionale dell’organizzazione, l’on. Francesco Ferrar”, ha eletto Antonio Placido “portavoce dell’assemblea, affidandogli il compito di dirigere il partito regionale durante questa fase e sino alla elezione del nuovo coordinatore”.

La decisione pare non essere stata apprezzata da venti componenti della stessa assemblea che hanno inviato in redazione esattamente 24 ore dopo il seguente comunicato:

“Apprendiamo dagli organi d’informazione che l’assemblea regionale di Sel, convocata per discutere della situazione politica-organizzativa, ha nominato un portavoce. Una figura non prevista dallo statuto di Sinistra Ecologia Liberta”.

Il documento, con l’elencazione dei “venti” scontenti, prosegue specificando che “in assenza del coordinatore dimissionario, la rappresentanza di SEL e’ affidata al coordinamento eletto dall’assemblea” e dunque “si ritiene che tale figura non possa rappresentare SEL Basilicata”.

Da notare che tra i 20 firmatari del documento di”condanna” per l’elezione di Placido a portavoce figura anche l’unico consigliere regionale di Sel, Giannino Romaniello:

Achille Furioso, Angelo Pace, Antonella Germano, Roberto Rizzi, Francesco Manfreda, Giannino Romaniello, Giovanna Salvatore, Giovanna Galeone, Giovanni Iannuzziello, Gianni Rondinone, Ivan Santoro, Mariano Paturzo, Monica Pocchiari, Raffaele Capobianco, Rosalinda Di Pasca, Rossella Cassetta, Sinformosa Monteleone, Vincenzo Corraro, Vincenzo Lauria, Vitantonico Carriero

Share Button