Paterino: al Comune di Matera i conti non tornano

Il consigliere comunale Michele Paterino

Il consigliere comunale Michele Paterino

Il Comune di Matera sotto la lente d’ingrandimento della Procura generale della Corte dei Conti. A sollecitare l’intervento della magistratura contabile è il consigliere comunale dell’Idv, Donato Michele Paterino.

In una circostanziata denuncia, l’esponente dell’assemblea comunale materana chiede l’accertamento di eventuali responsabilità erariali da parte del Comune di Matera in ordine alla presenza nell’organigramma della struttura municipale di otto commissioni consiliari permanenti rispetto alle cinque deleghe assessorili attualmente attribuite dal Sindaco Salvatore Adduce dopo il rimpasto del governo cittadino avvenuto nella scorsa estate.

Paterino nella premessa fa riferimento al regolamento del Consiglio comunale che espressamente prevede che il numero delle commissioni è pari a quello delle deleghe assessorili. A conti fatti – aggiunge – la situazione attuale è diversa. Infatti se gli assessorati sono cinque, le commissioni consiliari continuano a restare otto e denuncia che la mancata rimodulazione degli organismi municipali chiamati ad analizzare i provvedimenti da affidare poi all’esame dell’assemblea. Paterino rileva, infine, che tutto questo ha prodotto una maggiore spesa per diverse migliaia di euro visto che la spesa complessiva per ogni commissione ammonta mediamente ad un migliaio di euro.

Secondo Paterino con la rimodulazione di cui parla, il Comune avrebbe potuto risparmiare dallo scorso mese di agosto ad oggi almeno 40 mila euro, soldi importanti con i tempi che corrono per affrontare impegni di altra natura più vicini ai problemi della gente.

Share Button