Proiezioni e previsioni sulla futura rappresentanza lucana in Parlamento

sondaggio_websiteL’esercizio previsionale non è poi così difficile come potrebbe sembrare. Ora che le liste sono definite è possibile azzardare qualche pronostico. Anche basandoci sui sondaggi, che in verità penalizzano un po’ la nostra piccola regione di Basilicata a causa del “campione esiguo”.

Sul sito Scenari Politici ad esempio, l’ultima (in ordine di tempo) rilevazione porta la data del 14 gennaio e vede in testa la coalizione “Italia Bene Comune” (IBC) con una percentuale di poco superiore al 40%.

I restanti seggi se li dividono il Centro-Destra (19,5 %) la Lista “Con Monti per l’Italia” data al 13 % e il Movimento 5 Stelle con un lusinghiero 12 %. Da segnalare anche il dato di Rivoluzione Civile (Ingroia) con un buon 10%.

Dai sondaggi alle previsioni. E qui dopo “Scenari Politici”ci tocca citare il paginone centrale de “il Quotidiano della Basilicata”.

L’economista politico Antonio Ribba illustra quelli che a suo parere, sarebbero i parlamentari prossimi venturi in rappresentanza della nostra regione. E lo fa con tanto di indicazioni probabilistiche basate su una attenta compulsazione dei sondaggi su scala regionale  che abbiamo appena illustrato, insieme alle tendenze di quelli nazionali e allo “storico” lucano.

Vediamo chi sono per Ribba i 7 senatori: per il PD Emma Fattorini e Filippo Bubbico, Sel Giovanni Barozzino. Per il PDL Guido Viceconte, per la Lista Monti Tito Di Maggio (ammesso che i rispettivi capilista, cioè Berlusconi e Casini optino per un’altra circoscrizione).

Seguono poi i “probabili”. Se scatta l’ulteriore seggio i candidati per l’assegnazione sarebbero per il centro-sinistra o Margiotta o Benedetto (dati rispettivamente al 70 e al 30%), mentre per il Movimento 5 Stelle il papabile è Vito Petrocelli.

Alla Camera: Roberto Speranza, Vincenzo Folino e Maria Antezza per il PD. Latronico per il PDL. Mentre Antonio Placido (SEL) e Navazio (al 50% con Cesa) per la Lista Monti sono indicati come “probabili”. A patto che i rispettivi capilista optino per altra circoscrizione.

Share Button