Lista Stella ad Adduce: rispettare i patti. E rivendica Presidenza del Consiglio

MATERA – Che la luna di miele fra la Lista Stella e il Sindaco Adduce sia finita, è un fatto conclamato. Non sono certo sfuggiti agli analisti della politica locale le pubbliche e frequenti prese di posizione e gli strappi, nei consigli comunali materani. La seduta al cardiopalma sugli equilibri di bilancio, dello scorso 2 ottobre, con l’astensione della Lista e poi ancora la durissima presa di posizione di Enzo Acito in merito alla nomina della commissione di controllo sulla corretta applicazione del piano casa 2, quando il voto era slittato per mancanza del numero legale. Tanto per citare, in ordine di tempo, solo le ultime avvisaglie, di un rapporto andato via via logorandosi, dalla famosa discussione sulla metropolitana leggera ad oggi. Ma ora, a mettere nero su bianco i termini di quella che potremmo definire una separazione in casa, è il coordinatore della Lista Stella, Santantonio. Un comunicato per chiedere che siano rispettati i patti elettorali, nel quale la Lista rivendica a gran voce la poltrona della presidenza del Consiglio Comunale. Era semplicemente nei patti, si legge nel comunicato, che, a metà mandato, quindi ora, la presidenza sarebbe stata nominata proprio dalla Lista, che avrebbe dovuto inoltre esprimere un assessore. Insomma i conti non tornano e se rinuncia volentieri all’assessorato, la Lista Stella proprio non ci sta a vedere disattesa la sua richiesta, in relazione alla Presidenza, carica che ricopre attualmente Brunella Massenzio. Venti di crisi in maggioranza dunque, con la Lista Stella che rivendica il suo ruolo e il suo peso, forte di quei 4500 voti che hanno reso possibile la vittoria di Adduce, al quale, si legge infine nel comunicato, si chiede di esercitare il ruolo di garante. Insomma la politica è in fibrillazione e non è difficile immaginare che i contraccolpi di quella nazionale, con le elezioni alle porte, facciano presto sentire i propri effetti anche qui.

 

Share Button