A Matera nasce ufficialmente il Partito del Mattone

Matera. Speculatori, impavidi costruttori, faccendieri e politicanti a servizio dello sciacallaggio da oggi avranno un luogo che li protegge, un partito. Ironica e pungente l’iniziativa di Matera Cambia e del circolo Gino Giugni che ieri in conferenza stampa hanno presentato il Partito del Mattone. Lo slogan emblematico: Insieme fuori dal tunnel della legalità. I soci sono divisi in professionisti, a cui possono aderire tutte le imprese costruttrici che non vogliono rispettare le regole, dilettanti, ovvero i praticanti dell’abusivismo spicciolo ed infine i soci onorari ovvero coloro che ricoprono ruoli istituzionali e che si sono venduti alla logica della speculazione edilizia. Il primo a ricevere la tessera del partito sarà Vito de Filippo, presidente della Regione Basilicata per aver nel 2009 elaborato il Piano Casa uno strumento che in deregolamentazione supera quello pensato da Silvio Berlusconi. Salvatore adduce,invece, sindaco di Matera ha ancora possibilità di non entrare nella lista ma tutto dipenderà da come gestirà le ultime manovre urbanistiche. Ma satira a parte Matera Cambia e di Circolo Gino Giugni con questa iniziativa hanno rimarcato il concetto che non bisogna fermarsi alle chiacchiere ma andare in fondo alle cose. Hanno anche contestato i dati presentati in sala giunta ieri da Roberto Cifarelli sul fabbisogno della città di Matera, sul numero delle abitazioni vuote e sulla richiesta di edilizia residenziale pubblica. Ai presenti al tavolo, Angela Calia, Mimmo Genchi e Francesco Filippetti è stata sottoposta una questione ovvero perché mai le tante associazioni che stanno contestando il Piano Casa non sono riunite in un unico coro. E la risposta è stata semplice e diretta. “Molte delle persone” ha detto Mimmo Genchi che oggi contestano il Piano Casa hanno votato per il centro sinistra e continuano a sostenerlo tuttora” Prossima iniziativa l’organizzazione di una festa nazionale del PDM, il partito del Mattone.

Share Button