Il Comune di Matera rischia il dissesto finanziario?

Il Comune di Matera

MATERA – Il Comune di Matera rischia il dissesto finanziario. A lanciare l’allarme, che richiama alla memoria i fatti accaduti a Taranto qualche anno fa, è Giovanni Angelino, vice-presidente del Consiglio comunale e capogruppo della “Lista Tosto Sindaco” di minoranza, dopo aver analizzato in modo approfondito la situazione debitoria dell’ente, che appare decisamente critica. “Nel corso del quindicennio di scellerata gestione economica da parte dei precedenti governi di centrosinistra”, scrive il consigliere, “si sono accumulate talmente tante cartelle di debiti, che oggi è addirittura difficile quantificare esattamente la somma totale cui ammontano”. Eloquente, da questo punto di vista, è l’ordine del giorno della prossima riunione del Consiglio, in programma martedì prossimo alle 17. “Dei dodici punti in elenco nella convocazione”, fa notare Angelino, “ben dieci sono relativi a riconoscimenti di debiti fuori bilancio nei confronti di cittadini e aziende materane private. Gli stessi punti saranno all’ordine del giorno della riunione della Commissione Bilancio e Contenzioso in programma il giorno prima. Ma i creditori del Comune non sono solo privati. Nei giorni scorsi, infatti, la Provincia di Matera ha bussato alle porte del palazzo di via Aldo Moro per riscuotere un credito ammontante a ben 5 milioni di euro. Non si tratta di cifre irrisorie, insomma, bensì di somme ingenti che, gioco forza, ricorda anche Angelino, “saranno sottratte ad altre emergenze”. Ecco perché il consigliere, lungi dal voler denunciare le inadempienze dell’attuale amministrazione, insediatasi da quattro mesi e quindi colpevole esclusivamente di indossare gli stessi colori politici di chi l’ha provocata, ha voluto sollevare un problema reale per affrontarlo in modo corale e deciso, onde evitare che incappi negli stessi, imperdonabili, errori.

Share Button