No dei Grillini ai rifiuti potentini a Matera

MATERA – Continua a far discutere l’ordinanza con la quale il Presidente della Giunta Regionale di Basilicata aveva imposto, giorni fa, al Comune di Matera di accettare, dal primo luglio al 30 novembre 2010, circa 4500 tonnellate di rifiuti prodotti nella provincia di Potenza. Dopo l’interrogazione rivolta al Sindaco di Matera, dal consigliere comunale, Augusto Toto, nella quale si chiedeva come fosse possibile per la città dei Sassi accogliere i rifiuti potentini, e la presa di posizione del Sindaco Adduce, che ha comunicato  a De Filippo l’impossibilità dell’operazione, data l’attuale condizione dell’impianto di compostaggio materano, anche il Movimento Basilicata a 5 Stelle fa sentire la sua voce. Ovviamente per esprimere la sua netta contrarietà. Riferendosi più in generale alla raccolta differenziata, che ricordano essere partita sulla carta proprio a Matera, i Grillini esprimono diverse perplessità. Nessuno ha spiegato ai cittadini, ribadiscono, quale percentuale ha raggiunto effettivamente e con quali risultati. E con riferimento all’impianto di compostaggio che avrebbe dovuto trattare i rifiuti prodotti a Potenza, il suo stato e la sua funzionalità. Insomma ciò che manca, ribadiscono ancora una volta i Grillini, è l’informazione e la volontà di rafforzare la partecipazione. Qualcuno che ora è in Regione, concludono, parlava infatti di maggiore partecipazione. L’augurio, ribadiscono, è che non abbia cambiato slogan, dopo essersi assicurato la propria fetta di potere.

 

Share Button