A Taranto la settima edizione del Festival Organistico Internazionale

La Chiesa di S. Antonio a Taranto ospiterà la settima edizione del Festival Organistico internazionale

Sul prestigioso strumento “Ruffatti” a tre tastiere, pedaliera e con oltre 50 registri si cimenteranno, come da prerogative dell’evento diretto dal maestro Francesco Bongiorno, sia artisti di chiara fama internazionale che giovani promesse.

Nicola Curzio

Ad aprire l’edizione 2019 – il 27 maggio alle 20.30 – sarà l’organista italiano Nicola Curzio, giovane promessa e indiscusso talento lucano. Già diplomato in Organo e Composizione organistica con il massimo dei voti e la lode sotto la guida dello stesso maestro Bongiorno, si perfeziona con maestri di chiara fama internazionale, quali Ulrike Theresia WegeleKefer, Francesco Bongiorno e Lionel Rogg.

Si esibisce regolarmente in qualità di solista. Nel 2016, in occasione del centenario della morte del celebre compositore tedesco Max Reger, ha tenuto concerti ed ha partecipato alla conferenza “Ossessione musica” nell’ambito del 5° Festival Organistico Internazionale di Taranto.

Nel 2018 ha tenuto il concerto inaugurale della XIX edizione del Festival Organistico Internazionale di Selva di Fasano (Br). È attualmente iscritto al Biennio accademico di II livello in Organo (classe del M° Bongiorno) e, presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra (Città del Vaticano), è iscritto al Corso di Post-gradum in Organo Liturgico e Improvvisazione organistica nella classe del M° p. Theodor Flury OSB.

Il festival proseguirà il 3 giugno (ore 20.30) con il concerto dell’organista polacco Roman Perucki, concertista affermato e rappresentativo della più raffinata arte interpretativa organistica polacca.

Share Button