La Krikka Reggae autoprodurrà l’album “In viaggio” grazie ai suoi fan

Il successo della campagna di crowdfunding lanciata a marzo su Musicraiser

Krikka Reggae (Foto di Paolo Denovi)

Krikka Reggae (Foto di Paolo Denovi)

BERNALDA – Più di 150 i sostenitori e quasi 7000 euro raccolti, così la Krikka Reggae potrà autoprodurre l’album “In viaggio”, quarto lavoro discografico della band di Bernalda, che ha deciso di coinvolgere direttamente i suoi fan attraverso la piattaforma di crowdfunding Musicraiser, fondata poco più di un anno fa dal cantante dei Marta sui Tubi, Giovanni Gulino, insieme a Tania Varuni.

Dopo aver superato una fase di selezione che ha valutato la credibilità artistica della band e la capacità di comunicare con i propri fan, la Krikka Reggae ha potuto lanciare il suo progetto il 27 marzo scorso. L’obiettivo fissato era di raccogliere entro il 16 maggio almeno 6.000 euro, necessari a coprire una parte delle spese necessarie alla produzione, pubblicazione e promozione del nuovo disco.

Dopo 50 giorni, il risultato registrato è andato ben oltre le aspettative, superando del 15% l’importo al di sotto del quale il progetto sarebbe stato rigettato. I sei musicisti lucani – Manuel Tataranno e Simone Cammisa alla voce, Enzo Rubino al basso, Dino Dibiase alla chitarra, Franco Magliocca alla batteria e Ivano Greco alle tastiere – sono stati i primi in Basilicata ad utilizzare il crowdfunding, uno strumento rivoluzionario che cambia le dinamiche della discografia, dando respiro alla musica indipendente.

“Siamo davvero felici di questa esperienza, attraverso la quale ci siamo messi in discussione e abbiamo testato il rapporto con il nostro pubblico”, dicono i Krikka Reggae nel ringraziare i tanti sostenitori che hanno deciso di effettuare una donazione in cambio di esclusive ricompense. Tra queste, oltre al cd in anteprima e a locandine e t-shirt autografate, anche lezioni di batteria, la possibilità di essere citato come sponsor ufficiale in un apposito spazio del cd, l’accesso al backstage, per finire a concerti, live in acustico e dj set.

“Abbiamo avuto un appoggio incredibilmente eterogeneo. Persone di tutte le età ed estrazioni sociali – aggiungono – hanno contribuito con quello che potevano, tra l’altro in un momento economico davvero difficile per tutti. Dal nostro macellaio di fiducia al tatuatore, dall’elettricista ad intere scolaresche, da grandi dj e conduttori radiofonici alle piccole webradio, per finire alle associazioni e ai musicisti, in tanti, non solo dall’Italia ma anche dall’estero, ci hanno dato fiducia, riempendoci di orgoglio oltre che di responsabilità”.

Mentre Musicraiser, già leader in Italia, punta all’estero, la Krikka Reggae può portare a conclusione l’album “In viaggio”, che raccoglie brani inediti elaborati nel corso degli ultimi 2 anni. Il disco vedrà molte collaborazioni nazionali e internazionali, prima fra tutte quella con Zulù dei 99 Posse, che ha partecipato al singolo “Crisi”, con cui verrà anticipato il lancio di “In Viaggio”.

Share Button