Comunali Potenza. Realtà Italia “non piega la testa di fronte ad alcun candidato”

“Realtà Italia ’non piega la testa di fronte ad alcun candidato’, soprattutto se esso non sia stato democraticamente scelto dai cittadini attraverso lo strumento delle Primarie”.
Lo sostiene il Segretario Cittadino di Realtà Italia, Lorenzo Pace in seguito alle notizie imprecise trapelate a margine dell’ultima riunione dei partiti della coalizione di centrosinistra.
Per Pace, “Realtà Italia, in un momento in cui la distanza tra cittadini e politica è così marcata, pretendere l’unità dell’intero centrosinistra sulla base di una candidatura che si richiama alle vecchie logiche della ‘nomina’ rappresenta un grave passo indietro e fa sì che un candidato nuovo passi per l’espressione più vecchia del modo di far politica”. Comprendendo che i cittadini sono stanchi delle vecchie logiche di partito, Realtà Italia si apre a tutte le forze del centrosinistra chiedendo ad ognuna di esse “di non adeguarsi a volontà politiche conservatrici, ma di continuare a ragionare sul concetto di inclusività e non di esclusione poiché, in una fase delicata come questa e con le tante problematiche che attanagliano la città capoluogo, la scelta del Sindaco deve essere un momento di partecipazione democratica da condividere in primis con l’elettorato”.
Il segretario cittadino ribadisce che “non si discute della persona indicata dal Partito Democratico, ma si dibatte sul metodo con cui esso è stato scelto. Mancando la regola fondamentale delle Primarie, punto di forza per la partecipazione collettiva, si rischia che anche la candidatura dell’uomo del Pd diventi sinonimo di vecchiume politico, mettendo l’intera coalizione di centrosinistra in una condizione di ‘nominare’ e non più di ‘scegliere’ i propri rappresentanti, ritornando a vecchi canoni che hanno reso per decenni la politica stantìa e lontana dalle esigenze della cittadinanza”.

Share Button