Infrastrutture in Basilicata, Merra: Interlocuzione utile con Anas

Messa in esercizio dopo 60 anni della Diga del Rendina al servizio dell’area nord regionale, salvare 19 milioni già stanziati per la distribuzione irrigua del distretto G sullo Schema idrico Basento-Bradano, definizione del nuovo piano dei trasporti, non da ultimo, gestione e monitoraggio informatico della rete viaria in capo ad Anas per attivare una cabina di regia degli interventi, ad iniziare dalla strada statale Basentana. E’ la panoramica sulle priorità in tema d’infrastrutture in Basilicata, elencate dall’assessore regionale Donatella Merra.
Per l’esponente del governo Bardi, l’Osservatorio dei Contratti Pubblici ha il polso della situazione sulle opere incompiute. In particolare, con il nuovo capo compartimento dell’Anas “c’è stata – ha detto la Merra – un’immediata interlocuzione, e grande disponibilità a portare avanti un progetto utile per tutti”.
Fin’ora, ha puntualizzato, “la Regione ha ricevuto le informazioni, ma relative ai macro lotti, le chiediamo per singoli cantieri” anche “per garantire un quadro chiaro ai lucani che percorrono le strade”.
Share Button