Reddito di cittadinanza: impatto sul mercato del lavoro rinviato all’anno prossimo

La misura vessillo del precedente Governo Conte, non sta dando i risultati auspicati

Sul fronte del mercato del lavoro la Nota di Aggiornamento al Def di cui molto si sta discutendo in questi ultimi giorni, conferma il rinvio del calcolo sull’impatto del reddito di cittadinanza all’anno prossimo: ci sono ritardi nelle “politiche attive”.

“dai dati dell’indagine sulle forze di lavoro non emerge ancora pienamente l’incremento del tasso di partecipazione che sarebbe dovuto scaturire dall’adesione al reddito di cittadinanza (RdC) e dal conseguente patto per il lavoro”.

Diversi analisti parlano già di flop della misura, anche alla luce delle recenti rilevazioni Istat secondo le quali si è verificata una riduzione del numero di disoccupati tra luglio e agosto (-87mila) e da una crescita degli inattivi (+73mila): ovvero l’esatto contrario di quanto auspicato dagli ideatori della misura.

Tra l’altro a sette mesi dall’inizio dei pagamenti, alle chiamate dei centri per l’impiego (anche queste partite soltanto all’inizio del mese scorso, cioè quando sono stati resi disponibili ai centri per l’impiego i nominativi) pare stia rispondendo una esigua percentuale di persone (30 – 40%) mentre da una stima compiuta nei mesi scorsi dalla Guardia di Finanza i livelli di frode dei casi controllati raggiungono il 60 – 70%.

Intanto la direzione regionale di Basilicata dell’Inps ha diffuso una nota riguardante l’integrazione delle domande presentate a marzo 2019, con le indicazioni operative fondamentali per poter continuare a riscuotere la prestazione.

Agli interessati l’Inps sta inviando in queste ore sms e email promemoria spiegando che “per la domanda era stato predisposto un modello che è stato successivamente modificato ai sensi del Decreto Legge Istitutivo”.

Dunque c’è tempo da oggi (4 ottobre) e fino al 21 di questo mese per poter integrare la domanda, e per chi effettuerà l’aggiornamento dopo tale data “la prestazione resterà sospesa sino all’acquisizione della dichiarazione”.

Share Button