“Al Mibac ci sono attualmente 4mila carenze in organico e sono cifre destinate a crescere in fretta”

Lo denuncia il ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini presentando alle commissioni Cultura riunite di Camera e Senato le linee programmatiche del suo mandato.

“Su questo” sottolinea il ministro “il mio predecessore Bonisoli si è già mosso e già un primo concorso per mille persone avevamo fatto noi nella passata legislatura, ma non basta, chiederò di intervenire perché è un’urgenza”.

Il titolare del Mibac davanti alle commissioni Cultura di Camera e Senato ha anche detto che  non farà nessuna controriforma della controriforma “non è necessario” ha sottolineato “perché le modifiche introdotte dal mio predecessore Bonisoli, che ringrazio, non hanno toccato l’impianto della mia riforma”.

Parlando delle azioni che caratterizzerà la sua azione ha poi aggiunto: “La sfida di questo mandato è investire su quello che ancora non c’è, sull’arte contemporanea, l’architettura, le industrie culturali e creative. Ci sono settori, come la fotografia, che non hanno mai avuto un riconoscimento. Investire su questo è un dovere”.

 

Share Button