Ferrosud, commessa da 3 milioni di euro

La commessa da 3 milioni di euro giunta nelle ultime ore in Ferrosud a Matera utile al revamping di una carrozza del 1970 e che riuscirà a coprire un intervallo di lavoro che va da settembre fino a fine anno è una non notizia per noi; un novità che dà un bassissimo valore aggiunto all’impianto di Matera. A dirlo è Maurizio Girasole della Filctem Cgil che invece sottolinea come elemento di positività il pagamento fino ad ora degli ultimi stipendi ai circa 80 lavoratori della sede della città dei sassi.

L’arrivo di questa nuova committenza secondo Girasole è utile solo a prendere tempo, a riparare ad un danno creato dalla proprietà, ossia l’aver annunciato delle trasferte in altre zone d’Italia come quella nel cantiere di Santa Maria La Bruna, cantiere che poi non è più partito; mentre pochissime unità sono state impiegate a Vicenza e Vercelli.

Nel frattempo, sono stati chiusi i contratti di solidarietà – ricorda Girasole – altra scelta scellerata non avendo certezza di altre commesse. Ci troviamo davanti quindi ad una situazione che ancora una volta non ci esalta ma che presenta motivi di preoccupazione.

Quello che si attende con ansia ora è il mese di settembre, nella fattispecie il 30, data entro la quale l’azienda si è impegnata a presentare un piano industriale con l’obiettivo di trovare nuove commesse perché ad oggi i lavori che spettano all’impianto sono soltanto quelli di smontaggio e rottamazione dei vecchi vagoni, una sorta di deposito temporaneo di rifiuti. Un impegno che deve arrivare dalla proprietà, ossia il gruppo Malena.

Share Button