Task Force per vertenza ex Om Carrelli, Uilm: “La Regione conferma le risorse per la mobilità”

Fare il punto sui prossimi passi della vertenza ex Om Carrelli. La Task Force regionale sul Lavoro si è riunita per discutere della questione che riguarda il ricollocamento dei lavoratori ex dipendenti Om Carrelli. Dall’incontro è emersa una disponibilità da parte della Regione Puglia di confermare le risorse necessarie per la mobilità in deroga, attesa dai lavoratori per una questione ancora lontana dalla risoluzione definitiva nonostante la firma, ad aprile scorso, del preliminare per la cessione del capannone della vecchia fabbrica a una nuova società, la Selektica.

“Sulla carta – ha spiegato segretario della Uilm di Bari, Riccardo Falcetta – le prospettive sono positive, anche se considerate le annose premesse, preferiamo sempre procedere con i piedi di piombo”. Inoltre il segretario della Uilm ha affermato che l’11 settembre prossimo si ritroveranno con la società Selektica per condividere i passaggi che porteranno alla presentazione, entro la fine del prossimo mese, del piano industriale.

Falcetta e la Uilm hanno approfittato dell’occasione per porre l’attenzione anche sulla situazione di un altro stabilimento, la Bosch.

Da diversi anni i sindacati chiedono un cambio di marcia nella produzione, che preveda una diversificazione della stessa adeguandola alle realtà del mercato. Nello stabilimento di Bari rischierebbero l’esubero circa 600 lavoratori.

La Bosch, dopo l’Ilva, è il secondo stabilimento regionale per rilevanza occupazionale. “Per questo motivo – ha concluso Falcetta – il 12 settembre ci ritroveremo in task force per aprire un tavolo monotematico che possa valutare ogni tipo di azione a sostegno dei lavoratori Bosch”.

 
Share Button