Ex Ilva, ArcelorMittal conferma la cassa integrazione. I sindacati: “Ci ripensino”

Riunione a Roma nella sede di Confindustria. “Aspettiamo incontro con Di Maio”
Una scelta che i sindacati non condividono. ArcelorMittal conferma ai rappresentanti dei metalmeccanici riuniti nella sede di Confindustria la volontà di ricorrere alla cassa integrazione per circa 1.400 addetti dello stabilimento di Taranto (Ex Ilva) a partire dal prossimo primo luglio per 13 settimane. I sindacalisti hanno chiesto all’azienda un ripensamento e sono in attesa di essere convocati al Mise per un incontro istituzionale col ministro Luigi Di Maio. Contrario anche il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, che al termine dell’incontro ha dichiarato “Abbiamo fatto un appello finale: evitate un provvedimento del genere che non trova giustificazione perché avrebbe effetti gravi sulla città di Taranto”.

 

Share Button