Crescita su scala provinciale, le stime OBI per il 2019-2023: Potenza nulla, Matera incrementa del +1,4%

Presentato oggi a Roma il Rapporto dell’Osservatorio Banche-Imprese di economia e finanza (Obi). Secondo le stime, in termini di crescita la forbice tra il Mezzogiorno e il resto del Paese dopo aver mostrato un contenimento tra il 2015 ed il 2017, si riaffaccia a partire dal 2018. Le stime quinquennali 2019-2023 vedono a crescita zero la provincia di Potenza mentre è in decisa ripresa quella di Matera.

Nel quinquennio 2019-2023 la crescita annua risulterà “decisamente contenuta per tutte le Province meridionali” ma, in particolare, sarà “sostanzialmente nulla” in quatto Province del Mezzogiorno: “Agrigento, Benevento, Nuoro e Potenza”.

E’ quanto emerso nel corso di un convegno organizzato da OBI (Osservatorio Banche Imprese) sotto l’egida dell’Alleanza degli Istituti Meridionalisti (AIM) – “Pietre che parlano”.

Nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani a Roma il tema al centro dell’incontro “Il Mezzogiorno tra divari e sviluppo. L’economia dei comuni del Mezzogiorno, stime 1995-2018 e previsioni al 2023” è stato approfondito dal presidente dell’OBI, Salvatore Matarrese e dal direttore generale dell’Osservatorio Antonio Corvino che ha presentato il rapporto, alla presentazione ha partecipato il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.

Se dunque nel quinquennio 2019-2023 la crescita annua risulterà “decisamente contenuta per tutte le Province meridionali” e “sostanzialmente nulla” in quella di Potenza, nell’ambito della Basilicata sarà secondo le stime di OBI, la provincia di Matera a distinguersi con un tasso di crescita di un +1,4% anche grazie, spiega il Rapporto, “ai benefici della sua designazione a Capitale europea della Cultura”.

https://youtu.be/nV_8mg3-Vw4

Share Button