Prevedere una sentenza con un algoritmo adesso si può. La tesi presentata a Bari

Prevedere una sentenza con un algoritmo. Un metodo matematico che senza errore potrà far sì che la norma venga applicata sempre nella stessa maniera. La tesi, di un giurista pugliese che permettere di ridurre al massimo l’errore, è al centro di “Interpretazione della legge con modelli matematici” scritto da Luigi Viola.

Il punto di partenza del metodo teorizzato è l’articolo 12 delle preleggi, ossia le modalità con cui il giudice si deve approcciare all’interpretazione della legge per arrivare alla sentenza.

Questo modello trasforma quelle che sono le indicazioni dell’articolo 12 in una struttura matematica e lo fa con un algoritmo con cui evitare contraddizioni nell’interpretazione. Quindi assicura maggiore certezza.

In questa maniera tutti i soggetti possono essere trattati ugualmente davanti alla legge. Per verificare tale metodo sono stati eseguiti anche dei test.

Share Button