Puglia, i pescatori ad assessore e governo: “Cambiare la legge sulle sanzioni, così non andiamo avanti”

Federpesca e Legacoop inviano una lettera a Di Gioia: “Il testo giace in Parlamento dalla fine della scorsa legislatura”
Burocrazia asfissiante, dovuta a un regolamento UE interpretato in fretta e furia con una legge del 2016 che rende praticamente impossibile la “piccola” pesca, che rappresenta la maggior parte degli operatori del settore non solo in Puglia. Da Legacoop e Federpesca arriva il grido di disperazione dei pescatori che non riescono più a lavorare, come sottolineato in un appello rivolto all’assessore regionale Di Gioia e per suo tramite al Governo. La soluzione, dicono i pescatori, giace in Parlamento dalla fine della scorsa legislatura: una riforma che ammorbidisce sanzioni e decurtazioni di punti sulla licenza, già approvata alla Camera e poi riposta in un cassetto.

 

Share Button