Matera, Stati generali dell’agricoltura: positivo il bilancio

La tavola rotonda “Il futuro della Pac post 2020” ha chiuso la due giorni materana. L’intero comparto agricolo si è mostrato pronto a cogliere le sfide del futuro.

Due giornate di incontri e discussioni, otto le regioni coinvolte, cinque le sessioni tematiche collegate alla nuova programmazione della politica agricola comunitaria post 2020. Sono questi i numeri degli Stati Generali dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale, iniziativa promossa dal Dipartimento regionale alle Politiche agricole e forestali, a Matera nelle giornate di giovedì e venerdì 7 dicembre.
Dopo la discussioni sugli esiti delle cinque sessioni tematiche di giovedì, la tavola rotonda “Il futuro della Pac post 2020” ha chiuso, nella mattinata di oggi, la due giorni materana.

Il territorio lucano è molto variegato e richiede risposte diverse, in linea con quanto previsto con la Pac che, dal 2007, ha posto la tematica di diversificare gli interventi. L’intero comparto agricolo lucano partecipando all’appuntamento si è mostrato pronto a cogliere, in maniera sinergica, le sfide del futuro.
“Gli Stati Generali dell’Agricoltura ci consegnano un risultato straordinario”, ha commentato a margine dell’iniziativa l’assessore regionale alle Politiche agricole, Luca Braia, precisando: “Tutti gli interventi hanno compreso le valutazioni emerse dai tavoli delle sessioni tematiche. La nuova riforma si può fare, ma deve tenere in considerazione la tipicità dei luoghi. Noi, in Basilicata, saremo pronti – ha sottolineato – a sostenere ogni battaglia necessaria a tutelare il futuro dell’agricoltura italiana e, soprattutto, lucana”.

Share Button