Regione Puglia, stop alla riforma dei consorzi di bonifica: “Il Consiglio deve avere tempo di riflettere”

Nessun automatismo dal 1 dicembre, sotto accusa anche il passaggio della gestione ad Aqp: “Potrebbe non essere costituzionale”

Stop in Consiglio regionale pugliese alla riforma dei Consorzi di bonifica.

Contrordine, abbiamo scherzato. La legge sulla riforma dei Consorzi di Bonifica della Regione Puglia, si ferma al palo: il 1 dicembre la giunta avrebbe dovuto esprimersi sulla validità del passaggio del servizio idrico ad Aqp, prevista dalla precedente legge varata nel gennaio 2017. Nel frattempo però una proposta di legge firmata dal consigliere Pentassuglia, che ha già avuto l’ok della IV Commissione con il supporto di Cinque Stelle e Forza Italia, punterebbe a riportare nelle mani degli agricoltori la gestione del servizio. Per questo la conferenza dei capigruppo allargata al presidente della Regione e all’assessore Di Gioia ha concordato uno stop all’azione di governo nell’attesa che il Consiglio regionale si esprima in merito.

Soddisfatta Coldiretti, che in mattinata aveva manifestato di fronte alla Regione proprio per bloccare l’attuazione della legge

Share Button