Ilva, Di Maio: la gara un “pasticcio”

Primo: “le regole di gioco sono state cambiate in corsa”. Secondo: “è stato violato il principio di concorrenza leale”. Sono le criticità rilevate dall’autorita anticorruzione nella procedura di gara di cessione dell’Ilva ad Arcelor Mittal. Parla di pasticcio il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio in una camera deserta, simbolo quasi dello stato di abbandono in cui si sentono cittadini, operai, associazioni di taranto, a quasi sei anni dal sequestro nel 2012 degli impianti Ilva.

Contestazioni dall’ex viceministro dello Sviluppo economico Teresa Bellanova: “L’Anac parla di criticità e non di illegittimità, inoltre Acciaitalia, concorrente nella gara di Mittal, non ha fatto ricorso”.

Share Button