“Dove va la Basilicata?”. A Potenza le risposte in un convegno di Confindustria

Dove va la Basilicata, l’uditorio dell’incontro di Potenza

La Basilicata deve “potenziare” i ritmi della crescita, proseguendo nel trend positivo degli ultimi anni, soprattutto attraverso una programmazione di lungo periodo per il settore imprenditoriale: bisogna quindi puntare sull’innovazione e sulla competitività, senza “rallentamenti”, e provando anche a “rimuovere alcune lentezze della macchina amministrativa”.

Sono i punti principali emersi nel corso del convegno “Dove va la Basilicata?” organizzato dalla Confindustria e da Pensiamo Basilicata, che si è svolto nel pomeriggio di ieri a Potenza.

La principale necessità espressa dagli imprenditori riguarda l’analisi delle strategie per la crescita: “Offriamo una visione” ha detto il presidente di Confindustria Basilicata, Pasquale Lorusso, nella sua relazione “impostata su tre paramentri: realismo, consapevolezza e responsabilità. E vogliamo offrire un contributo per riprendere un sentiero agibile di sviluppo. Stiamo vivendo le contraddizioni di una regione che si è rimessa sul cammino della crescita, ma a bordo di una macchina depotenziata da vecchie ruggini e nuovi malfunzionamenti, sui quali non si è riusciti a incidere nella maniera attesa. È necessario quindi aprire un dibattito vero e concertato sul futuro di questa regione”.

Paolo Laguardia – coordinatore di Pensiamo Basilicata

“I valori delle imprese” ha spiegato il coordinatore di Pensiamo Basilicata, Paolo Laguardia “sono anche i valori della comunità regionale, e non possono essere mortificate da approssimazione e lentezza della macchina burocratica. E sui fondi europei dobbiamo velocizzare le procedure e la spesa con progetti. Vogliamo far partire da qui il cantiere del nuovo riformismo per mettere insieme chi non si è arreso alla cultura degli alibi, e crede possibile un nuovo pensiero del lavoro e dell’impresa, per riappropriarsi dell’idea del futuro”.

L’economista Massimo Lo Cicero, nella sua lectio, ha invece puntato l’attenzione sul ruolo della Basilicata nel Sud e in Europa, evidenziando che ogni parte deve essere traino per le altre nel contesto comunitario, anche a fronte del prossimo rinnovo del Parlamento europeo.

“Innovazione tecnologica, industria 4.0 e lavoro” ha detto il governatore lucano Marcello Pittella a margine del convegno “devono essere i cardini di questo sviluppo, la sfida è verso il futuro a cui andiamo incontro, e lo facciamo insieme utilizzando al meglio sburocratizzazione, liberando risorse e creando l’unico valore aggiunto rappresentato dalla dignità del lavoro”.