Dall’Ilva alla FCA, Di Maio: prenderemo decisioni con responsabilità

Boccia (Confindustria): “Ilva è un asset cruciale per il Paese e occorre andarci con grande calma, stiamo parlando di circa 20mila occupati”. Di Maio (Mise): “prenderemo decisioni con responsabilità, non davanti alle telecamere, e senza farci campagna elettorale”.

Vincenzo Boccia – presidente Confindustria

Non nasconde una certa preoccupazione il presidente degli industriali Vincenzo Boccia intercettato dalla stampa all’uscita dall’assemblea nazionale di Confcommercio cui ha preso parte in mattinata anche il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio che a quanti gli chiedono dei dossier e vertenze aperti sui tavoli ministeriali afferma di non voler fare “annunci prima di aver incontrato la proprietà e le parti sociali”.

Ancor prima il vicepresidente del Consiglio a Pomigliano d’Arco, nel corso di una visita agli stabilimenti Leonardo incontra gli operai ed i vertici aziendali, e prova a rassicurare sul nuovo corso dei suoi ministeri e su una “collaborazione con le imprese per creare posti di lavoro”.

Poi a Roma parla ai cronisti e in un certo senso invia una risposta sia a quanti in questi ultimi giorni si sono detti preoccupati in merito alle varie dichiarazionidi esponenti M5S sulle prospettive di chiusura del polo siderurgico tarantino e sull’impegno del nuovo esecutivo – spronato anche dal predecessore Calenda, che gli ha indirizzato un video messaggio – per raggiungere la saturazione occupazionale negli stabilimenti italiani di FCA.

“Voglio dare un messaggio chiaro a tutti coloro che hanno queste preoccupazioni (sulla possibile chiusura dell’Ilva, ndr)” risponde Di Maio “qualsiasi decisione sarà presa con responsabilità e attenzione, non davanti alle telecamere, non in un’intervista”.

Share Button