Fondi comunitari. In Basilicata incontri sull’uso virtuoso delle risorse

L’iniziativa, “che in Basilicata è organizzata in collaborazione con l’Autorità di gestione del Po Fesr 2014-2020, è il primo di cinque incontri che l’Agenzia di coesione territoriale realizzerà nei prossimi mesi in tutte le regioni in ritardo di Sviluppo”.

L’utilizzo “virtuoso dei fondi comunitari e le politiche di sviluppo con un approccio di rete e di sistema tra pubblico e privato, ma anche il contributo ed il ruolo del Partenariato per l’impiego dei fondi strutturali e di investimento” sono stati – secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa della Giunta regionale lucana – al centro di un incontro che si è tenuto ieri, a Tito (Potenza), nella sede di Sviluppo Basilicata nell’ambito del progetto nazionale Officina Mezzogiorno.

L’iniziativa, “che in Basilicata è organizzata in collaborazione con l’Autorità di gestione del Po Fesr 2014-2020, è il primo di cinque incontri che l’Agenzia di coesione territoriale realizzerà nei prossimi mesi in tutte le regioni in ritardo di Sviluppo”.

Tra le finalità dell’evento, moderato dalla giornalista Margherita Sarli, presentare “Officina Mezzogiorno”, il “progetto voluto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri ed affidato per la sua attuazione proprio all’Agenzia per la coesione territoriale.

Progettazione dal basso, partecipazione e condivisione dei progetti essenziali sono i cardini attorno ai quali ruota il programma, che punta sull’intesa fra componenti pubbliche e private come segmento iniziale di un più articolato processo di gestione dell’intero ciclo che comprende progettazione, esecuzione, monitoraggio e valutazione”.

Dopo un videomessaggio del direttore dell’Agenzia per la coesione territoriale, Maria Ludovica Agrò (“Da Basilicata – ha detto – arrivano stimoli e sperimentazioni: è una regione ricca di intelligenze e sensibile alle frontiere dell’innovazione”) è intervenuto il direttore generale del Dipartimento regionale Programmazione e Finanze della Regione Basilicata, Elio Manti, che ha parlato principalmente di come la Regione Basilicata negli ultimi anni si sia rapportata con il Partenariato per l’impiego dei fondi strutturali e di investimento europei “in modo da qualificare la propria azione.

“Il rapporto continuo con il Partenariato – ha evidenziato Manti – è una scommessa che non vogliamo perdere e che sin dalla nascita della programmazione 2014-2020 abbiamo sollecitato. L’obiettivo, infatti, è quello di intercettare la domanda di politiche pubbliche che proviene dal territorio e di rispondere attraverso la programmazione. La coprogettazione ha già dato buoni risultati. Ma è necessario ascoltare il Partenariato, perché dietro gli interventi c’è la politica e dietro la politica ci sono i fabbisogni della gente”.

Share Button