Ilva: Cisl Puglia, riaprire il confronto al più presto - trmtv

Ilva: Cisl Puglia, riaprire il confronto al più presto

Sulla vertenza Ilva “serve adoperarsi per ritrovare urgentemente l’unità. Qualora non ci dovessero essere novità immediate, per la riapertura della trattativa al Mise, a distanza di poche settimane avremo un gruppo industriale (commissariato), che avrà la cassa completamente vuota, visto le perdite che accumula mensilmente di circa 30 milioni di euro. La maggior parte dei lavoratori – diretti e indiretti – hanno compreso molto chiaramente quali fossero al tavolo ruoli e linee guida per un eventuale accordo sindacale. Linee guida proposte, non di certo esaustive, ma che dovevano e potevano portare con il confronto, a cominciare dalle organizzazioni dei lavoratori, un risultato auspicato dallo stesso sindacato, sia in termini occupazionali per tutti, che di sicurezza per gli impianti”. Lo scrivono in una nota i segretari generali di Cisl Puglia Daniela Fumarola, e Cisl Taranto- Brindisi Antonio Castellucci. “A ciò si aggiunga – continuano – anche il ruolo importante e propositivo che in queste ultime settimane ha svolto il sindaco Rinaldo Melucci, nelle vesti di ‘attore facilitatore’ di questa complessa vertenza. Inoltre, l’ulteriore accorato e autorevole appello dell’arcivescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, rafforza la necessità di riaprire il confronto al più presto”. “Lo stabilimento di Taranto, in particolare, ha evidenti carenze di manutenzione – concludono – che rischiano di compromettere anche l’andamento e la sicurezza dell’intero sito industriale, così come quelle delle persone che ci lavorano. Trattare in questa vertenza significa anche dimostrare all’intero Paese, alle istituzioni, ad AmInvestCo, che il sindacato confederale c’è”.

Share Button