L’analisi della Fondazione Agnelli sul forte calo della popolazione scolastica in Basilicata

Nell’anno scolastico 2027-2028 la popolazione scolastica in Basilicata subirà una nettissima diminuzione rispetto all’anno scolastico in corso, con una perdita di centinaia di classi fra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado.

I dati sono stati pubblicati oggi dalla Fondazione Agnelli, che ieri aveva anticipato i risultati generali di uno studio basato su dati Istat sull’evoluzione demografica. Oggi in Italia la popolazione scolastica è pari a circa nove milioni di ragazzi: “Fra dieci anni, nel 2028 – scrive la Fondazione Agnelli – sarà scesa a otto milioni. Nessun altro Paese europeo avrà un trend così declinante”.

Il calo degli studenti provocherà fra dieci anni, con le norme attuali, la mancanza di “oltre 55 mila posti-cattedre, a partire dai gradi inferiori”.

Per quanto riguarda la Basilicata, rispetto alla popolazione scolastica attuale, nel 2027-2028 il calo sarà del 12 per cento nella scuola dell’infanzia, del 17 per cento nella primaria, del 19 per cento nella secondaria di primo grado e del 17 per cento nella secondaria di secondo grado. Dal punto di vista delle classi-sezioni – “nell’ipotesi di classi formate in media da 25 ragazzi e ragazze” – fra dieci anni vi saranno 62 classi-sezioni di scuola dell’infanzia in meno; 162 in meno nella primaria, 119 in meno nella scuola secondaria di primo grado e 190 in meno nella scuola secondaria di secondo grado.

Share Button