Accordo tra Anas e sindacati edili per appalti con importi superiori ai 50 milioni

Delrio: l’accordo siglato velocizzerà i lavori. Armani (Anas): più correttezza e più sicurezza

L’Anas e i sindacati edili hanno firmato un accordo per appalti con un importo superiore ai 50 milioni di euro con l’obiettivo “di promuovere un confronto costante tra il committente e le organizzazioni di rappresentanza delle categorie dei lavoratori”.

L’accordo è stato sottoscritto dall’amministratore delegato di Anas Gianni Vittorio Armani e i segretari generali di Feneal Uil, Vito Panzarella, Filca Cisl Franco Turri e Fillea Cgil Alessandro Genovesi, alla presenza del ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio.

Con quest’accordo “vogliamo mettere ordine nel mondo degli appalti degli edili e consentire di sviluppare i lavori nel modo più corretto”, ha spiegato Armani, sottolineando che l’enfasi è soprattutto “sulla sicurezza nei cantieri”.

“A fine 2017 siamo tornati a 290 miliardi di investimenti” per le opere pubbliche ha dichiarato il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio sottolineando che il periodo di “grande difficoltà è alle spalle”. Il ministro ha spiegato però che “gli investimenti pubblici fanno ancora fatica a decollare”, rimarcando che oltre alla burocrazia, “la corruzione è uno di principali nemici”. Per Delrio l’accordo sottoscritto oggi “è molto importante”, rappresenta “una capacità di adattamento alla modernità” e aiuterà “a velocizzare i lavori”.

Share Button