Ilva e sostenibilità all’assise di Verona con Confindustria Taranto

Vincenzo Cesareo (sx) – presidente Confindustria Taranto

Anche i referenti di Taranto tra i seimila partecipanti all’Assise generale di Confindustria a Verona.

Sulla visione di Taranto quale laboratorio di sostenibilità si è incentrato l’intervento del numero uno degli industriali ionici, Vincenzo Cesareo.

Esprime solidarietà ai colleghi di Lecce, dopo l’atto vandalico subito nei giorni scorsi da ignoti che hanno imbrattato la porta di ingresso con la scritta “No TAP”. Poi passa a parlare di Ilva.

L’acciaieria sarà banco di prova per un nuovo modello di sostenibilità, che metterà insieme ambiente, produzione e salute. Altra questione la messa in sicurezza dello stabilimento, ostacolata paradossalmente dai tempi e dai nodi della vertenza.

Sei gli assi di intervento per gli industriali: dalla semplificazione alla competenza, dalla sostenibilità all’innovazione, dal sostegno fiscale alle imprese all’Europa contesto ideale per fare impresa.

Più nello specifico del tessile, “ruota attorno alle tre “i” – per il presidente Confindustria Moda, con incarico ormai regionale, Salvatore Toma – lo sviluppo delle imprese locali: istruzione, innovazione grazie a industria 4.0 e, internazionalizzazione”.

Presente da Taranto, per le Piccole Medie Imprese, Luigi de Fillippis, presidente Confindustria Piccola Industria.

Share Button