I sindaci di Craco e Pisticci nel materano, contro le ipotesi di dimensionamento scolastico

I sindaci di Craco, Gisueppe Lacicerchia, e di Pisticci, Viviana Verri, al termine di una assemblea svoltasi a Craco con genitori e insegnanti delle scuole dell’obbligo dei due centri del Materano, hanno chiesto alla Regione Basilicata un incontro, in Quarta Commissione, “per evitare i disagi procurati dalla proposta di dimensionamento scolastico presentata dalla Provincia di Matera”.

L’ipotesi prevede il trasferimento di 51 bambini di Craco che frequentano i plessi di Pisticci e Marconia e che sarebbero quindi costretti a raggiungere Montalbano Jonico, distante oltre 30 chilometri. Lacicerchia e Verri hanno giudicato improponibile la proposta, che andrebbe a intaccare la popolazione scolastica di Pisticci e della frazione di Marconia, dotate ciascuna del numero minimo di 600 allievi previste dalla normativa, a vantaggio di Montalbano. “Oltre che improponibile – ha evidenziato Lacicerchia – l’ipotesi è onerosa e procurerebbe disagi per i bambini e per le famiglie di Craco che hanno ragazzi iscritti alle scuole elementari e medie. La nostra protesta continuerà a oltranza. Alla Regione chiediamo, piuttosto, di mettere mano a una riforma scolastica degna di tal nome e che faccia riferimento anche ai costi, visto che la questione dello spopolamento e del calo demografico riguarda 120 dei 131 Comuni della Basilicata”.

Share Button