Stime Confesercenti per i regali nel weekend: i baresi amano la Befana

La tradizione sarà rispettata soprattutto al Sud (a Bari nel 72% dei casi, a Milano solo nel 44%) mentre i doni saranno soprattutto utili approfittando dei saldi che iniziano domani.

Circa la metà degli italiani faranno doni nel fine settimana della Bafana con una spesa complessiva che dovrebbe superare quota 1,8 miliardi. La stima arriva da Confesercenti che in una indagine con Swg su un panel di 3.000 consumatori ha calcolato in 68 euro la spesa media per 27,7 milioni di italiani, in crescita del 15% sul 2017.

Per quanto popolare in tutta Italia, la tradizione dell’Epifania appare più radicata soprattutto nel centro-sud. Se, in media, a livello nazionale sarà il 59% a celebrarla con un dono ai più piccoli, a Bari la quota sale al 72%, la più alta d’Italia, seguita da Napoli (70%) e Roma (67%).

Se Firenze si mantiene all’incirca sulla media di partecipazione nazionale (58%), a Genova invece la Befana arriverà solo per il 49%, ed a Milano si scende fino al 44%. E in molte parti d’Italia iniziano a guadagnare popolarità anche i servizi di Befana a Domicilio, che permettono di far vivere ai bambini la magia di una visita della Befana in carne e ossa nella notte tra il 5 ed il 6 dell’anno, come già avviene con babbo Natale per la serata del 24 dicembre.

La calza ed i regali. L’aumento della spesa destinata alla calza andrà soprattutto a vantaggio di dolci e doni utili, magari anche qualche accessorio moda o capo d’abbigliamento, vista la concomitanza dei saldi. Se infatti la percentuale di italiani che regaleranno la tradizionale calza piena di dolci – o di carbone – sono il 64%, si registra l’aumento di chi farà doni utili, che passa dal 17% dello scorso anno al 21% di quest’anno. Diminuiscono, invece, i parenti disposti a comprare giocattoli: quest’anno a mettere un gioco sotto il camino (o la cappa della cucina) sarà il 15%, contro il 19% dell’Epifania 2017.

I viaggi. L’Epifania 2018 segna anche il primo weekend turistico dell’anno. E gli italiani hanno intenzione di approfittarne: nonostante la festività nel 2018 non ‘faccia ponte’ come nel 2017, in molti ruberanno qualche giorno in più grazie alla vicinanza con il periodo delle feste, partendo già questa settimana e tornando la prossima. Dei 2,4 milioni di vacanzieri della Befana, l’66% sceglierà una meta turistica italiana, mentre il 23% visiterà una qualche località europea. L’11%, invece, si spingerà addirittura fuori dai confini del continente, soprattutto in Nord America e nelle mete calde per una Befana… tropicale.