Mibact. Franceschini istituisce nuovi distretti turistici in Puglia e Basilicata

“Le Terre di Aristeo” in Basilicata e il distretto turistico della provincia di Taranto in Puglia

Il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, ha firmato i decreti istitutivi di sette nuovi distretti turistici in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Liguria, Lombardia, Puglia e Toscana.

Nascono così i distretti turistici di “Val di Magra e Unione dei Comuni della Val di Vara” in Liguria; “Altopiano della Sila” in Calabria; “Valli di Apua” in Toscana; “Centro Lario” in Lombardia; “Majella Madre” in Abruzzo; “Le Terre di Aristeo” in Basilicata e il distretto turistico della provincia di Taranto in Puglia.

L’obiettivo – spiega una nota del Mibact – è quello di riqualificare e rilanciare l’offerta turistica a livello nazionale e internazionale, accrescere lo sviluppo, migliorare l’efficienza nell’organizzazione e produzione di servizi, favorire gli investimenti e l’accesso al credito e snellire i procedimenti amministrativi. Salgano così a 50 i distretti turistici istituiti negli ultimi quattro anni.

Il decreto istitutivo del distretto turistico della provincia di Taranto in Puglia comprende il territorio dei comuni di Taranto, Avetrana, Carosino, Castellaneta, Crispiano, Faggiano, Fragagnano, Ginosa, Grottaglie, Laterza, Leporano, Lizzano, Manduria, Martina Franca, Maruggio, Massafra, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Mottola, Palagianello, Palagiano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Ionico, San Marzano di san Giuseppe, Sava, Statte e Torricella.

Del “nuovo” distretto rurale lucano (il secondo di questo tipo in Sud Italia) fanno parte 17 Comuni del comprensorio Alto Bradano che comprende: Acerenza, Atella, Banzi, Barile, Filiano, Forenza, Cancellara, Maschito, Oppido Lucano, Pietragalla, Palazzo San Gervasio, Genzano di Lucania, Montemilone, Rionero in Vulture, San Chirico Nuovo, Tolve e Venosa.

Share Button