Calenda, Ilva e Tap, l’Italia rischia di morire di veti

Calenda e Bellanova dopo l’incontro a Roma

‘In Puglia Emiliano fa ricorso contro l’Ilva perche’ non va a gas e contro il Tap perche’ porta il gas. È una situazione surreale. Noi abbiamo 32mila chilometri di gasdotti in Italia e il tratto del Tap sono 8 chilometri. Stiamo parlando del nulla, e su questo si scatena una battaglia ideologica. L’Italia rischia di morire di questo tipo di atteggiamento’. Lo dice il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, intervistato da Qn.
‘Non dobbiamo rassegnarci al piccolo cabotaggio – avverte – Questo Paese e’ grande anche perche’ c’e’ l’industria e cosi’ deve continuare a essere. Come si devono poter costruire le opere che servono. E si puo’ fare se si capisce che governo, istituzioni e
sindacati, pur nella differenza dei ruoli, hanno poi un obiettivo comune. Bisogna lavorare sul merito, non su prese di posizione ideologiche o finalizzate alla campagna elettorale’. ‘Se i partiti non populisti si mettono a fare i populisti promettendo tutto e il contrario di tutto il rischio che vengano sconfitti e’ alto – afferma -. E in una congiuntura come quella che viviamo, il rischio per il Paese e’ gigantesco. La prossima
legislatura sara’ una legislatura cruciale’. Calenda torna a precisare che non scendera’ in campo con una sua lista: ‘non credo nei partitini. Si e’ visto com’e’ andata a finire la lista Monti. E poi, di forze liberali di sinistra dovrebbe esserci gia’ il Pd. Io ne sono un potenziale elettore, purche’ mantenga una politica seria e riformista in linea con quanto fatto in questa legislatura da Letta, Renzi e Gentiloni’.(ANSA).