Alternanza scuola-lavoro. Siglato accordo tra Confindustria e USR Basilicata

Rilanciare la cultura tecnico-professionale e dell’apprendimento basato sul lavoro con l’interazione tra autonomie scolastiche, settori economici e produttivi, Enti, associazioni e autonomie locali, finalizzato ad un piano formativo integrato.

È il pilastro intorno al quale si sviluppa il protocollo d’intesa triennale siglato a Potenza tra Confindustria Basilicata e Ufficio Scolastico Regionale con l’obiettivo di aumentare le competenze. Il progetto si svolge nell’ambito della Legge nazionale 107 attraverso una parte delle 200 ore totali di alternanza scuola-lavoro previste per i licei, 400 per gli istituti tecnici e professionali.

“Un punto di partenza per l’alleanza con il mondo della scuola in modo da acquisire competenze spendibili sul piano professionale – ha dichiarato alla stampa a Potenza, tra gli altri, il presidente di Confindustria Pasquale Lorusso, insieme alla vice Margherita Perretti”. Quest’ultima con riferimento alla sicurezza per gli studenti ed altre iniziative da replicare sul piano della formazione come ad esempio l’Erasmus Plus.

Secondo la coordinatrice dell’Ufficio Scolastico Regionale, Claudia Datena, sarà “un valore aggiunto molto importante per le classi terze quarte e quinte coinvolte”, ovvero “ben 18.600 ragazzi, circa 11 mila nel Potentino e 7.600 nel Materano, suddivisi in 8.200 presso licei, 6.200 in istituti tecnici e 4.200 in quelli professionali”.

Share Button