Licenziamenti Ikea, la Filcams Cgil: “Stato di agitazione nel negozio di Bari”

La decisione dopo i due casi contestati degli ultimi mesi. “Se l’azienda vuole riorganizzare il personale deve prima parlare con noi”

La Filcams Cgil di Bari ha dichiarato lo stato di agitazione nel negozio Ikea di Bari dopo i due licenziamenti decisi dall’azienda nelle ultime settimane e che i sindacati considerano lesivi dei diritti dei lavoratori.

Non c’è solo, purtroppo, il dipendente licenziato per essere tornato dalla pausa con cinque minuti di ritardo. C’è anche il caso di Francesca, 26 anni in azienda, disponibile a essere trasferita in tutta Italia e invece licenziata. E’ ormai scontro totale tra Ikea e sindacati, dopo il secondo caso in poche settimane di licenziamento “sospetto”. Che si unisce alla mamma lavoratrice licenziata nel negozio di Corsico, alle porte di Milano. E la Filcams Cgil decide di scegliere la strada dello stato di agitazione.

Share Button