Approvata la relazione programmatica di Acquedotto lucano

Gli investimenti in corso, ammontano ad oltre 191 milioni di euro di cui più di 62 ai 30 interventi in fase di progettazione; quasi 29 ai 10 in fase di affidamento; quasi 100 milioni alle operazioni in esecuzione.

E’ quanto è emerso dall’ultima Assemblea degli azionisti di Acquedotto Lucano, che ha approvato all’unanimità la Relazione programmatica dell’Amministratore unico, Michele Vita.

Due gli asset strategici: energia e depurazione – ha detto Vita – per i quali stiamo facendo ogni sforzo per superare le carenze del sistema della depurazione in Basilicata, attraverso un lavoro per ottimizzare l’efficienza di reti e impianti e per affinare i trattamenti e i sistemi di controllo delle acque. Nel campo dell’energia, l’impegno della Società – ha sottolineato Vita – si è concretizzato in un Piano di efficientamento da 50 milioni di euro”.

Relativamente a queste attività, sarà sottoscritto nei prossimi giorni l’Accordo di programma sulla depurazione che raccoglie i finanziamenti rivenienti dal PO-FESR e dal primo biennio dell’FSC, entrambi del 2014 2020 e dal Piano Operativo del Ministero dell’Ambiente che prevede 32 interventi, per un importo complessivo che supera i 51 milioni di euro.

È stata avviata, inoltre, l’elaborazione di un Accordo di partenariato per l’energia, che sarà sottoscritto nelle prossime settimane e consentirà di finanziare interventi per un importo complessivo di 22 milioni di euro. Infine, è in fase di definizione con l’Egrib e con la Regione Basilicata un secondo Accordo di Programma per gli interventi sulle reti idriche e fognarie e sugli schemi idrici intercomunali per 5 milioni di euro.

Tra le altre iniziative citate “La progressiva informatizzazione delle attività, il call center internalizzato e l’avviso pubblico portato a termine per l’assunzione di 14 addetti al servizio idrico integrato”, i cosiddetti fontanieri.

Share Button