Al via a Verona l’edizione 2017 del Vinitaly - trmtv

Al via a Verona l’edizione 2017 del Vinitaly

«Vinitaly ha segnato l’agenda di governo sull’agricoltura del Paese e continuerà a farlo. E come avevo fatto in passato proprio qui, da dove insieme ci ponemmo il tema del Testo Unico del Vino, della dematerializzazione dei registri digitali, del piano sull’internazionalizzazione e dell’agenda digitale, mi prendo l’impegno, annunciando che entro la fine di luglio avremo la prima bozza del testo del Codice agricolo unico». Così il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, inaugurando  Vinitaly 2017, alla presenza, tra gli altri, del commissario europeo all’Agricoltura e allo sviluppo rurale Phil Hogan e del presidente di Veronafiere Maurizio Danese. Vinitaly, giunto alla sua cinquantunesima edizione e che si concluderà mercoledì, si conferma un appuntamento che va oltre la manifestazione fieristica, che pure è la prima al mondo per superficie espositiva e numero di visitatori, uno dei momenti in cui si discute del futuro del vino e dell’agricoltura in ottica europea, di internazionalizzazione dei mercati, di innovazione e di crescita della qualità. Il filo conduttore rimane proprio la qualità, anche per la Politica agricola comune post-2020, sulla quale nelle scorse settimane si è aperto il dialogo fra i Paesi comunitari. «Ho avuto modo di parlare con il ministro Martina – ha detto il commissario Ue, Phil Hogan – e sulla Pac continueremo a porre la qualità del cibo e del vino al centro delle politiche future». Presenti alla manifestazione fieristica anche le regioni Puglia, con oltre 120 aziende all’interno del proprio padiglione e di Unioncamere e decine di cantine e produttori sparsi in altri stand, e Basilicata, con una collettiva sempre più rappresentativa del comparto vitivinicolo lucano composta da 25 aziende e 3 consorzi. La regione Basilicata, nel Padiglione 11/Stand E5-G6, con il format partecipativo della collettiva, testato con successo lo scorso anno, prova ancora una volta a mettere al centro la comunicazione della qualità del vino lucano oltre che della regione come sistema. Ed in questi giorni, su TRM Network ampi spazi di approfondimento documenteranno la presenza della Regione Basilicata al Vinitaly.

Share Button