Violenze e molestie sul lavoro. Accordo tra Confindustria e sindacati lucani

Un momento della firma presso la sede Confindustria a Potenza (DDP)

A dieci anni dalla sottoscrizione tra le parti sociali europee, accordo quadro tra Confindustria e le sigle sindacali CGIL, CISL e UIL Basilicata per prevenire, individuare e gestire i casi di molestie e violenza nei luoghi di lavoro.

Un passo in comune – è stato definito – per contrastare fenomeni spesso ricorrenti e magari sottovalutati ma che comportano gravi rischi per la salute fisica e psichica delle persone coinvolte.

Atti lesivi, mobbing ed altri impedimenti quotidiani, hanno ribadito le responsabili delle Pari Opportunità del sindacato, posso risultare sottili, quindi, difficili da dimostrare. Da qui anche la formulazione di un vademecum per prendere contatto sul tema.

L’impegno degli associati a Confindustria, ha invece ribadito la vicepresidente Perretti, “sarà di non tollerare atti lesivi della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori con azioni mirate di sostegno ma ancor prima di consapevolezza”.

Presente alla firma, la consigliera regionale di Parità, Ivana Pipponzi, primo soggetto coinvolto dalle richieste di aiuto nei casi di molestie. “La denuncia è sempre il primo passo – ha ribadito – per farlo è a disposizione un sito web già online, sul quale trovare tutte le informazioni per farlo”.

Share Button